spot_img

Refill day: 5 motivi per comprare sfuso

spot_img

Oggi è la giornata internazionale del refill: letteralmente il giorno della ricarica.

Nonostante il caldo torrido di questi giorni, non stiamo promuovendo un integratore di sali minerali, bensì l’utilizzo dello sfuso, o di tutto ciò che può essere ricaricato senza imballaggi monouso

Innanzitutto bisogna definire i prodotti sfusi, ovvero prodotti privi di imballaggio, acquistati al peso o al litro. Nel 2022 ci sembra quasi strano dover definire cos’è uno sfuso, senza ricordarci che fino alla metà del secolo scorso era perfettamente normale acquistare i prodotti sfusi dai rivenditori locali: la pasta e le spezie in drogheria, il latte dal lattaio e la frutta e verdura al mercato o dal fruttivendolo. Lo zero-waste, letteralmente “rifiuti-zero”, non è solo un insieme di prodotti, ma un vero e proprio lifestyle, che negli ultimi anni è diventato anche un movimento politico rappresentato in Europa da Zero Waste Europe.

Con l’utilizzo sempre più frequente di imballaggi, a scopi perlopiù di marketing, nel giro di pochi anni il mondo intero si è ritrovato con una quantità sempre maggiore di immondizia da smaltire. Considerando tutti i materiali, i primi 5 rifiuti marini sono: sacchetti/buste di plastica; bottiglie di plastica; contenitori da asporto di plastica; imballaggi di plastica; corde da pesca.

sacchetti con frutta e verdura refill_sfusitalia

Il re-fill day ha l’obiettivo di promuovere l’economia dello sfuso, incentivando i consumatori ad acquistare prodotti sfusi o zero waste (come una volta) per ridurre l’impatto ambientale. 

Leggi anche: È meglio la carta o la plastica? La risposta non è scontata.

Quali sono però i veri benefici per un consumatore?

  • I prodotti sfusi, a parità di qualità, provenienza ed impatto, costano meno, perchè non hanno il costo aggiunto del packaging i cui prezzi ultimamente stanno decollando.
Negozio sfuso_sfusitalia
Negozio sfuso
  • Hanno una qualità maggiore, siccome i negozianti si interessano personalmente alla scelta dei prodotti;
  • Il cliente può ricevere assistenza sull’acquisto, dal momento che i negozi sfusi sono perlopiù botteghe di quartiere di piccole-medie dimensioni;
  • Supporto dell’economia di quartiere;
  • Riduzione del consumo di imballaggi e di conseguenza di produzione dei rifiuti.

Insomma, se sei un po’ pigro e con le finanze strette, acquistare prodotti sfusi sicuramente ti conviene!

Leggi anche: Ingredienti naturali, formulazioni delicate, colori solari: Tukiki è la linea italiana di prodotti zero waste e plastic free.

La domanda che sorge spontanea è: come posso iniziare a comprare sfuso e quali prodotti refill posso trovare sul mercato?

La scelta è molto ampia tra cui:

  • l’acqua! Un bene fondamentale che spesso ci dimentichiamo di avere a disposizione sempre e ovunque qui in Italia. Armati di una borraccia quando esci di casa (in estate ti terrà anche l’acqua al fresco), e riempila alle fontanelle o nei bar. In caso di difficoltà nel trovare le fontanelle, utilizza l’app di Brita per vedere la più vicina a te;
sacchetti refill_sfusitalia
  • alimentari come frutta e verdura Questi si possono trovare sia al mercato e sia in negozi di quartiere;
  • cereali, legumi e pasta;
  • prodotti per la casa come detersivi liquidi per la pulizia;
  • prodotti per la cura della persona come i saponi liquidi;
  • croccantini per gli animali domestici e sabbia per la lettiera;
  • tè e tisane.

I tre step che devi attuare per iniziare a fare refill sono:

1. armarti di borraccia, sacchetti riutilizzabili e borse di tela;
2. cerca su sfusitalia.it il negozio più vicino a te;
3. esci di casa e inizia la tua avventura zero waste!

Articoli Collegati

Seguici sui social

5,714FansMi piace
10,547FollowerSegui

AUTORE

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Ti interessano gli sfusi e lo zero waste? 

Iscriviti alla newsletter di Sfusitalia